Avviso di carenza idrica: raccomandazioni

Pubblicato il 1 luglio 2022 • Ambiente

In relazione allo stato di carenza idrica dovuto al perdurare della scarsità delle precipitazioni osservata sull’intero territorio distrettuale delle Alpi orientali, associata alla ridotta consistenza nivale e alle modeste riserve idriche accumulate nei serbatoi idroelettrici montani, che sta determinando una preoccupante riduzione dei deflussi sul reticolo idrografico e la sensibile riduzione dei livelli freatimetrici nella pianura veneta e friulana l’Osservatorio Permanente sugli Utilizzi Idrici ha indicato, attraverso i documenti di valutazione sullo stato della risorsa idrica del 13 aprile 2022 e del 5 maggio 2022, le misure da adottare per fronteggiare lo stato di crisi idrica vigente.

Per quanto riguarda l’ambito del Servizio Idrico Integrato viene richiesto di dare quanto più possibile seguito alle azioni funzionali alla tutela quantitativa della risorsa idrica sotterranea e dei prelievi idropotabili, invitando tutti i cittadini a limitare temporaneamente

  • l’irrigazione e annaffiatura di giardini e prati; 
  • il lavaggio di aree cortilizie e piazzali;
  • il lavaggio privato di veicoli a motore;
  • il riempimento di piscine, fontane ornamentali, vasche da giardino;
  • tutti gli usi diversi da quello alimentare domestico e per l’igiene personale.

Tali misure rispondono alle esigenze dettate dall’attuale stato di crisi idrica e vanno oltre alla pratica del risparmio idrico che normalmente dovrebbe essere adottata da ciascuna famiglia nelle azioni quotidiane.

SE NE RACCOMANDA L'OSSERVANZA

AVVISO crisi idrica
Allegato formato pdf
Scarica
OPGR_37_2022 crisi_idrica
Allegato formato pdf
Scarica