Regione Veneto

Bando di gara per l'affidamento del servizio di gestione dell'asilo nido comunale periodo 01/09/2019-31/08/2023. CIG-77443686a4.

Pubblicato il 13 febbraio 2019 • Comune

Estratto del Bando di Gara Asilo Nido:
"Affidamento della gestione dell’asilo nido comunale (40 posti), rivolto a bambini di età compresa tra i 3/6 e i 36 mesi (con possibilità di frequenza a tempo pieno e a part-time). Il presente si configura come affidamento di servizi compresi nell’allegato IX del D.Lgs. n. 50 del 18/4/2016 (CPV 80110000 – NUTS ITH35). Il servizio è costituito dall’insieme di prestazioni educative, ausiliarie e gestionali necessarie per il funzionamento dell’asilo nido comunale come2 di seguito elencate nel presente capitolato tecnico, nonché dalla L.R. 23.04.1990 n. 32 e L.R. 22/2002, dalla DGRV n. 84/2007, dal D.Lgs. 65/2017, dal Progetto Psicopedagogico contenente anche la carta dei servizi ed il regolamento di gestione."

Il bando di gara con tutti i relativi allegati sono pubblicati nella sezione Bandi di gara e contratti in Amministrazione Trsparente del sito web comunale

 

Risposte ai quesiti aggiornati al 19/02/2019:

Domanda:  Per tutti i servizi aggiuntivi, laddove sia previsto un costo, lo stesso va indicato in termini percentuali ( + X% o –X % rispetto l’offerta oggetto di gara) nell’offerta tecnica al criterio 11?
Risposta: Si consiglia di indicare l’importo in percentuale rispetto al prezzo offerto per il servizio “pieno”. Ad esempio, se per il servizio “pieno” (giornata intera) si intende offrire un importo di TOT. euro/mese, il costo aggiuntivo del servizio extra, ipotizzando la mattina del sabato (4 ore per ogni sabato) potrà essere indicato come segue: X% dell’importo della retta mensile piena (quest’ultima da indicare solo nella scheda dell’offerta economica).Si sottolinea che trattasi solo di un esempio. Eventuali servizi aggiuntivi gratuiti dovranno essere adeguatamente descritti e precisati. Si fa presente, infine, che per i servizi aggiuntivi non è prevista compartecipazione economica da parte del Comune, per cui il costo che ne consente il funzionamento sarà a carico degli utenti.

Risposte ai quesiti aggiornati al 13/02/2019:

Domanda: Come da planimetria nella sala “sonno divezzi-semi divezzi” risultano presenti 13 lettini grigi e 15 lettini azzurri. Si chiede se quelli grigi sono impilabili. Si chiede se quelli azzurri sono impilabili.
Risposta: Sono impilabili.

Domanda: Come da planimetria nella sala “sonno lattanti” risultano presenti 6 lettini bianchi e 4 lettini azzurri. Si chiede se quelli bianchi sono impilabili. Si chiede se quelli azzurri sono impilabili.
Risposta: Sono impilabili.

Domanda: La sala “refettorio” è unica per i lattanti, semi divezzi e divezzi?
Risposta: Sì. Si precisa tuttavia che, nella zona riservata ai lattanti, verrà predisposto un locale appositamente arredato in modo da consentire piccole operazioni finalizzate a consentire una più agevole gestione dell’alimentazione dei lattanti.

Domanda: E’ stata predisposta la rete LAN per installare successivamente il WI-FI? 
Risposta: Sì, esiste la rete LAN cablata dati/telefono. Si valuterà successivamnete se attivare una rete WI-FI.

Domanda: Al punto 2 di pagina 1 del disciplinare di gara ci si riferisce alla somministrazione dei pasti; Vorremo sapere se la ditta incaricata si occupa anche del lavaggio delle stoviglie e della cucina?
Risposta: No. Il lavaggio delle stoviglie è un onere a carico del concessionario, così come il riordino dei locali.

Domanda: Nel criterio 10 dell’offerta tecnica (pag. 20 del disciplinare punto 18) chiediamo se il coefficiente max 0.4 (se esiste un massimo presumiamo che ci sia anche un minimo) è determinato in base al numero di titolarità o in presenza di una sola titolarità? E’ sufficiente una sola titolarità per l’ottenimento del coefficiente massimo?
Risposta: La commissione di gara procederà a determinare eventuali sotto-criteri per l’attribuzione dei punteggi, laddove necessario. Nel caso di specie, è presumibile – fatta salva comunque l’autonomia della commissione - che più titolarità di accreditamento possedute comportino una valutazione più favorevole.

Domanda: A chi sia in capo l’onere della manutenzione ordinaria delle aree verdi circostanti il servizio.
Risposta: lo sfalcio dell’erba sarà a carico del concessionario, mentre le potature di eventuali alberature resterà in carico al Comune.

Domanda: ai sensi di quanto previsto all’art. 12 B) p. 22 del progetto psico-pedagogico allegato alla documentazione di gara, siamo a chiedere conferma che in caso di accesso al servizio di bambini non residenti nel Comune di Noventa di Piave, i costi per la frequenza del nido consistano in: 

  1. retta di frequenza “pari al costo del servizio così come determinato annualmente dalla Giunta Comunale”;
  2. costo del pasto di cui all’allegato D del progetto psicopedagogico.

Siamo altresì a chiedere conferma che per tali utenti sia previsto il solo contributo regionale.
Risposta: Il Comune garantisce il contributo finanziato con fondi propri, stimato nella misura variabile da € 15.000 ad € 20.000, rapportato per fasce al numero di bambini frequentanti il nido (residenti e non). Analogamente per quel che riguarda l'eventuale integrazione del contributo regionale (rapportato al numero degli utenti), qualora risultasse inferiore all'importo stimato in sede di gara.

Domanda: Con riferimento al servizio ristorazione siamo a chiedere a chi sia in capo il costo per latte e alimenti specifici per i lattanti: se ai sensi dell’art. 11 punto 2 del capitolato tale costo pare completamente in capo al Concedente, l’art. 13 del progetto psicopedagogico allegato alla documentazione di gara cita espressamente tra i costi annui in capo al Concessionario, quello per alimentari e mensa relativi ai lattanti.
Risposta: La ditta incaricata dal Comune della refezione scolastica che fornirà i pasti, provvederà a fornire anche un latte generico per i lattanti. Qualora fosse prescritto un latte particolare o i genitori richiedessero un prodotto specifico, sarà a loro carico.

Domanda: Conferma che sia possibile allegare alle singole relazioni componenti l’offerta tecnica documentazione complementare quale a titolo esemplificativo: CV del personale proposto, documentazione qualità documentazione relativa agli arredi proposti.
Risposta: La documentazione di cui sopra può essere aggiuntiva.

Domanda: Con riferimento agli arredi e attrezzature messi a disposizione dall’ente Concedente (allegati A e B al progetto psicopedagogico) siamo a chiedere conferma che giochi e attrezzature per cucina e lavanderia non elencati/rappresentati si intendano a totale carico del concessionario.
Risposta: Si conferma.

Domanda: In riferimento all'art.10, punto 6 (pag.6) del Capitolato Speciale d'appalto, si chiede quanto sono quantificabili le cifre relative a "imposte e tasse comunali, regionali e statali senza diritto di rivalsa dovute per l'esercizio dei servizi previsti nel presente capitolato" (riportato testo).
Risposta: Le imposte e tasse comunali, quali IMU/TASI che sarebbero a carico del proprietario, non sono dovute in quanto il proprietario è il Comune medesimo, mentre la TARI è espressamente posta a carico del concedente (Comune). La dicitura genericamente richiama l’eventualità che dalla gestione possano derivare imposte statali o regionali, che non sono attualmente note e quantificabili dall’appaltatore.

Domanda: Nel caso di inserimento di bambini riconosciuti come soggetti portatori di handicap ai sensi art.4 L.104/92 "è concesso all'aggiudicatario richiedere sostegno assistenziale all'ULSS4?" (ART.13 PAG.8 ultimo comma).
Risposta: si rinvia a quanto precisato nel Progetto Psicopedagogico art.12 – Carta dei servizi e regolamento - lett. B) regolamento di gestione – Criteri di precedenza.

 

Risposte ai quesiti aggiornati al 13/02/2019:

Domanda: è possibile conoscere la disposizione degli arredi.
Risposta: in allegato trovate il progetto degli arrredi Tavola_02_-_Progetto_-_Disposizione_Arredi.pdf

Domanda: chi è l’attuale gestore del servizio?
Risposta: trattasi di servizio che viene avviato per la prima volta con la presente gara, per cui non vi è un gestore uscente.

Domanda: quanti lavoratori sono impiegati nel servizio, il CCNL applicato, l’inquadramento contrattuale e gli scatti di anziani maturati.
Risposta: per i motivi su esposti, non vi è attualmente personale in servizio.

Domanda: un solo servizio analogo svolto per ciascun anno (2015/16-2016/17-2017/18) di gestione asilo nido pubblico o privato in struttura con capacità di almeno 30 bambini soddisfa i requisiti di capacità tecnico-professionale richiesti?
Risposta: Sì. Si precisa che la capacità ricettiva dell’asilo nido gestito deve essere di almeno 30 bambini. Per quanto riguarda la dimostrazione del regolare svolgimento e del buon esito dei servizi svolti si rinvia a quanto previsto nel disciplinare di gara: ossia nel caso di strutture gestite per conto terzi deve essere allegata dichiarazione di corretta e regolare esecuzione del servizio da parte dell’ente committente (pubblico o privato). Per i servizi resi in proprio (senza rapporto di appalto o concessione) va allegata ogni documentazione idonea quale, ad esempio provvedimenti di autorizzazione/accreditamento, provvedimenti regionali di concessione di contributi in conto gestione o altro, propria documentazione esplicativa.

Domanda: si chiede di conoscere l’importo medio annuo delle utenze a carico del concessionario.
Risposta: posto che il trattasi di servizio di nuova realizzazione, non è un dato esattamente conoscibile, essendo soggetto anche alle scelte gestionali del futuro affidatario del servizio. Si rinvia alle stime indicative contenute nel progetto psicopedagogico a pag. 27. Si sottolinea, ad ogni buon conto, in relazione alle utenze in rete, quanto previsto all’art. 10 p.5 del Capitolato speciale d’appalto.

Domanda: si chiede di conoscere l’importo medio annuo del sistema informatizzato (software gestionale e pagina web).
Risposta: essendo un servizio di nuova istituzione, non vi sono precedenti.

Domanda: il servizio dalle ore 16:00 alle ore 18:30 ed il servizio al sabato mattina risultano attualmente attivi?
Risposta: per i motivi su esposti, la risposta è negativa.

Domanda: si chiede il numero di bambini per fascia di età e l’eventuale presenza di bambini disabili.
Risposta: non essendo ancora avviato il servizio, non è possibile fornire i dati indicati. Sulla composizione dell’utenza e sul numero massimo di bambini con disabilità accoglibili si rinvia al progetto psicopedagogico ed in particolare all’art. 4 e all’art. 12 lett. b – regolamento di gestione - criteri di precedenza.

Domanda: si chiede di indicare l’orario solo pomeriggio.
Risposta: l’orario solo pomeriggio non è previsto come obbligatorio nel progetto psicopedagogico. Si tratta di una possibilità migliorativa/integrativa che i concorrenti possono proporre e definire.

Domanda: si chiede di confermare che l’importo di € 462,50 (a base di gara) risulta per il servizio full time dalle 7:30 alle 16:00.
Risposta: si conferma, con le precisazioni di cui all’art. 9 – durata del servizio suddivisione della giornata – del progetto psicopedagogico.

Domanda: si chiede di chiarire quanto segue: a pag. 29 del progetto psicopedagogico le educatrici hanno un contratto full time, mentre nelle modalità di rotazione del personale di servizio il personale educativo viene indicato come impegnato in 32 ore frontali settimanali.
Risposta: con ore frontali si intende l’attività di docenza, che va integrata con altre attività nel quadro della prestazione full time, secondo quanto previsto dai vigenti CCNL in materia.

Domanda: si chiede di indicare il monte ore utilizzato per determinare l’importo del costo di personale di cui alla tabella di pag. 27 del progetto psicopedagogico.
Risposta: Si rinvia alla tabella di cui alla pagina 29 del progetto psicopedagogico. Si evidenzia che il costo è indicativo e potrà variare in base alle scelte del gestore relative al personale previsto a part time.

Domanda: nel criterio 11 dell’offerta tecnica (pag. 21 del disciplinare punto 18) eventuali costi e riduzioni, aggiuntivi alla retta oggetto di gara, devono essere indicati (in termini percentuali) nell’offerta economica o nell’offerta tecnica? Per tutti i servizi aggiuntivi, laddove sia previsto un costo, è obbligatorio indicarlo (in termini percentuali).
Risposta: Se il riferimento a costi o riduzioni si riferisce a valori già indicati nel progetto psicopedagogico, in particolare art. 13 – linee organizzative – conclusioni e tariffe, le proposte migliorative vanno indicate per l’aspetto economico solo in percentuale rispetto alla retta mensile piena per il tempo pieno da indicare solo nell’offerta economica. Parimenti, per quanto riguarda l’offerta di fasce orarie di servizio particolari e aggiuntive, si ritiene opportuno che i relativi prezzi siano espressi in percentuale come sopra.

Domanda: nel DGUE pag. 28 sezione IV punto A idoneità: chiediamo cosa si intende per fatturato annuo /medio specifico? Riguarda fatturato dei servizi indicati di cui al disciplinare punto 10 b) o di tutti i servizi gestiti dalle scriventi dell’area oggetto di gara? Ad esempio se la scrivente ha indicato solo 2 di 5 nidi gestiti va indicato il fatturato dei 2 o dei 5 nidi?
Risposta: Il requisito del fatturato annuo/medio specifico non è richiesto dal disciplinare di gara, l’informazione può quindi essere omessa nel DGUE; se l’omessa indicazione del dato risulta bloccante, indicare il totale fatturato dei servizi specifici gestiti dal concorrente (fatturato relativo agli asili nido gestiti).

Domanda: nel criterio 7 dell’offerta tecnica (pagina 19 del disciplinare punto 18), il numero di ore di formazione (fino a 20 ore/anno – oltre 35 ore/anno) devono essere intese cadauno?
Risposta: Si intende il numero medio annuo a persona, fermo restando che i corsi possono essere anche rivolti contemporaneamente a più persone.

Domanda: In merito all’offerta tecnica oltre al numero di facciate è prevista una tipologia e dimensione del carattere da utilizzare?
Risposta: si consigliano i caratteri Times New Roman o Arial  dimensione 12.

Domanda: Nel criterio 9 dell’offerta tecnica (pag. 20 del disciplinare punto 18) chiediamo se i Curriculum sono compresi nelle 2 facciate A4 o sono documenti aggiuntivi alle facciate indicate?Risposta: Possono essere aggiuntivi.

Domanda: Nel criterio 10 dell’offerta tecnica (pag. 20 del disciplinare punto 18) chiediamo se il coefficiente max 0.4 è determinato in base al numero di titolarità o in presenza di una sola titolarità? E’ sufficiente una sola titolarità per l’ottenimento del coefficiente massimo?
Risposta: A fianco di ogni singola certificazione è indicato il proprio coefficiente.

Domanda: In riferimento al punto 10 del disciplinare di gara punti b) e d): quanti servizi sono da indicare e certificare per dimostrare la capacità economica finanziaria? Serve una dimensione economica annua minima?
Risposta: i riferimenti alle lettere b) e d) non sembrano corretti. La lett. b) si riferisce al requisito dell’iscrizione in apposito albo se il concorrente è una cooperativa sociale; la lett. d) precisa di allegare copia dell’ultimo bilancio approvato in base alla normativa vigente ed almeno una dichiarazione bancaria. La lett. e) precisa che il requisito di capacità tecnico – professionale è soddisfatto quando il concorrente dimostri l’esecuzione nell’ultimo triennio (2015/16-2016/17-2017/18) di servizi analoghi a quelli di cui al presente avviso di gara, cioè di aver svolto per ciascun anno servizi di “gestione asili nido” pubblici o privati in strutture con capacità ricettiva di almeno 30 bambini, svolti regolarmente e con buon esito. Nella candidatura andranno indicati gli enti committenti, i periodi di affidamento. Alla candidatura vanno allegate le dichiarazioni di corretta e regolare esecuzione del servizio da parte degli eventuali Enti committenti. Per i servizi resi in proprio (senza rapporto di appalto/concessione), va allegata ogni documentazione idonea a comprovare il possesso del requisito richiesto.

Il Coordinatore della Stazione Unica Appaltante
Il Segretario Comunale della Segreteria
Associata dei Comuni di
Musile di Piave e Noventa di Piave
Dr. Alessandro Rupil

 

 

 

Progetto disposizione arredi

Allegato 2.40 MB formato pdf
Scarica